29 dicembre 2012

Ingroia: attacchi da Michele Vietti e Jole Santelli, avvocati

Michele Vietti, avvocato, esponente dell'UDC e attualmente vice-presidente del CSM, e Jole Santelli,  anche lei avvocato deputata del PDL, si scagliano contro l'impegno attivo in politica di Antonio Ingroia, magistrato di Palermo, proprio perché magistrato.

Eppure in Parlamento ci sono tanti ex magistrati sia nel PDL che nel PD (li ha elencati il sito giornalistico Lettera43), ne hanno contati ben 18, senza badare a tutti i vari avvocati e commercialisti che possono aiutare meglio il loro capo o i loro referenti legiferando in maniera idonea (agli interessi di pochi e non della gente comune).

L'attacco da parte di avvocati (ben insediatisi in Parlamento o in altre importanti istituzioni) fa veramente ridere, o mette tristezza, perchè queste persone dovrebbero usare il loro tempo per mandare via i corrotti, mi sembra molto semplice, anziché creare inutili battibecchi per portare via le nostre attenzioni dalle cose importanti.

"Un altro duro colpo all'immagine della magistratura che purtroppo mina anche l'autorevolezza dei tanti magistrati che lavorano con serietà" Dice la Santelli. Ma fino ad ora dov'è vissuta? Non ha visto i vari Caliendo (indagato nella vicenda P4), Centaro, GIuliano e  Nitto Palma nel suo partito? 

28 dicembre 2012

TAV Torino-Lione: ma la gente sa informarsi?

(La Stampa, 9 dicembre 2012) No Tav dopo il vertice: “Il treno doveva ridurre i Tir, il nuovo tunnel li attirerà”
Sorpresa in Valle dopo l’accordo tra Italia e Francia per costruire anche il raddoppio del Fréjus, oltre alla linea Tav: “Il movimento si ricompatterà”

Questo giusto per rispondere al GENIO che sul Corriere commenta scrivendo:
"TAV non serve?
27.12|23:19 silverado
Ma allora servono i TIR in valle Susa? Oppure Hollande (icona dei progressisti) è così stupido? A me piacerebbe potere andare a Parigi in 4 ore, anziché in 9, penso che ci unirebbe." 

Ma i treni nel tratto valsusino, dove passano i TGV, impiegano 5 ore???

La partitocrazia inizia già a censurare e a strozzare

E' la denuncia di Pannella e dei Radicali, ma non solo, quella che vuole la Partitocrazia aver già messo il turbo per strozzare le opposizione, i piccoli partiti e movimenti tramite le armi della Tv (dove i big imperversano facendo già anzitempo la loro campagna elettorale) e con l'obbligo della raccolta delle firme per poi potersi presentare alle elezioni.

"La questione della raccolte firme, l'assenza delle tribune politiche nei palinsesti Rai, le diseguaglianze nell'accesso ai mezzi radiotelevisivi. Sono solo alcune delle regole violate e disattese che hanno spinto i Radicali a denunciare la completa assenza delle condizioni minime di democraticità in relazione alle prossime elezioni regionali e politiche."

QUI trovate il testo dei Radicali.

La condizione carceraria in breve

Alcuni numeri spaventevoli, diffusi dai Radicali:

"Le cifre non sono opinioni, sono fatti non discutibili: 20mila detenuti oltre i posti disponibili; carceri in pessime condizioni strutturali; niente denaro per il lavoro penitenziario; tre euro al giorno per il vitto a detenuto; condizioni igienico-sanitarie da paese dell’ultimo mondo; 60 suicidi e un migliaio di tentati suicidi l’anno; una sessantina di bambini in cella con le loro mamme; 1500 ergastolani e 1100 internati negli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Ci sono poi le migliaia di procedimenti e di cause che paralizzano la giustizia civile; ogni anno dai 180mila ai 200mila processi – e tanti, per gravissimi reati – cadono in prescrizione; settimana dopo settimana l’Italia viene condannata dalle Corti Europee di giustizia e per i diritti dell’uomo."

27 dicembre 2012

Prima notizia del TG1 del 27/12/12: Osservatore Romano elogia Monti

C'è il festival nazionalpopolare della canzone italiana, ovvero un assembramento di cantantucoli solamente italiani, ovviamente in gara che propongono le solite canzonette col trittico sole/cuore/amore, amore ovviamente monogamico, dove quello omosessuale viene visto come una cosa strana, dove ci si strugge pensando sempre e solo a quella data persona (poi ci si stupisce della gente che mena o uccide l'ex!), e poi c'è anche il telegiornale dello stesso tipo, dove giornalisti italiani ben vicini al potere, ai partiti e insomma, quanto di più lontano dalla gente comune si possa immaginare, si rivolge proprio a questa gente comune mostrandogli sempre le stesse facce, facendole sentire quindi sempre le stesse cose.

Pannella? E chi lo conosce, compare solo se sta crepando!

Ratzinger? E' sempre lì che monitora più e peggio di Napolitano!

Stasera è stata la volta dell'Ossevatore Romano che si è sperticato in lodi verso Monti. Che male c'è, direte voi. Peccato che questa sia stata la PRIMA NOTIZIA!!!
D'altronde il governo Monti è stato un governo che ha fatto bene poco per far pagare un pochetto di IMU alla Chiesa Cattolica per tutti i suoi immobili sparsi per l'italico et ameno territorio.

Truffa spot 8X1000, caso archiviato

Alla faccia dello Stato laico!

Quando c'è di mezzo la Chiesa Cattolica coi suoi interessi miliardari, la Giustizia archivia tutto, TRUFFE comprese, come quella dello spot dell'8X1000

Perché sarebbe una truffa? Perché lo spot dice che la Chiesa e i suoi pretacci malefici fanno del bene in giro per il mondo (in realtà vogliono conquistare tutto il globo terreste evangelizzando anche cani e porci e rendere tutti gli esseri loro schiavi), mentre solo il 20% dei soldi incassati con grande nonchalances viene destinato ad opere di "bene".

L'ADUC, un'associazione di consumatori (poverini però a definirsi consumatori..), avevo sporto denunciato ma il tutto ora è stato archiviato, lo Stato decide di non decidere! Ma c'è un motivo: non essendo spot commerciali, non colpisce i consumatori.

26 dicembre 2012

Feste natalizie: pochi regali, c'è crisi, moriremo tutti!

MA CHE PALLE!

Gli italioti si sentono poveri, tristi, anzi completamente e irrecuperabilmente depressi perché l'unica cosa che possono comprare (se-se..) è il cibo per i vari pranzi e cenoni.
Allora non resta che andare a rubare, già che ci siamo non solo profumi, cd e telefonini, bensì anche cibo di ogni tipo.

Io non le sopporto davvero più questo notizie con dati allarmanti riguardanti un sano e salvifico calo dei consumi. Ben vengano. Io non sono religioso, ma mi trovo d'accordo coi religiosi che affermano che il consumismo non c'azzecca nulla con le feste religiose. Se la festa del Natale deriva dalla natività del bambin Gesù, che cavolo centra sommergerci di scatoloni, pacchi, carte, imballaggi, giochi, giochini, robottini, telefonini e quant'altro? Va bene un regalino per mostrare vicinanza ed affetto, ma molto meglio passare molto più tempo del solito con persone con cui ci si trova bene, che essere obbligati, sentirsi obbligati, a comprare di tutto e di più magari per dei parenti-serpenti solo perché si fa così. La gente è veramente alienata: si senta una merda se non ha soldi per comprare, come se dovesse morire passando per i fucili perché non può comprare nulla.

Ma cosa cambia se comprate o non comprate regali? Quando non c'erano nè soldi nè robe da comprare, secondo voi la gente si odiava e non pranzava/cenava assieme? Ma certo, anzi, senza consumismo, ci si vedeva per il piacere di vedersi, non per il piacere morboso di impossessarsi di nuove robe!

Il governo Monti non è laico

Lo Stato italiano in teoria è laico, in pratica c'è questo piccolo e recente esempio che mostra il contrario:

"In occasione del Santo Natale, il presidente del Consiglio Mario Monti ha formulato al presidente Napolitano, alla consorte signora Clio e ai familiari, i più fervidi auguri, unitamente alla profonda riconoscenza per l'alta guida morale e istituzionale che il Presidente ha esercitato anche quest'anno nei confronti dell'intera comunità nazionale e del Governo"

Mi fa ridere anche l'aggettivo "fervidi", per non dire dell'"alta guida morale" riscontrata ad esempio nel caso delle intercettazioni con Mancino, prontamente silurate nel cestino.

Il parrocco del femminicidio

Qualche giorno fa un parroco italiota lasciò un foglio sulla bacheca della sua chiesa, col quale espresse il suo parere sul cosidetto femminicidio.


Cosa scrisse? 

Che le donne di oggi, vestendosi con abiti succinti, provocano.

No no scusate cari cattofessi, ma non regge in piedi quest'accusa, infatti i giornali parlano di donne ammazzate in quanto fidanzate, mogli o ex, non di donne stuprate perché girano anche il 25 dicembre con -10 gradi in minigonna e tacchi a spillo col push-up mentre sono chine intente a spingere l'auto in mezzo alla neve con le poppe sballonzolanti!

Il malefico e ciucciasoldi statal-vaticanensi Don Corsi, ha continuato imperterrito a dire stronzate, ha dato del "frocio" ad un giornalista Rai perché é impossibile non avere istinti quando si vedono donne nude o mezze nude, e poi ha augurato ad un altro giornalista di avere un brutto incidente! E questo tutto nel giro di pochi giorni, chissà quante stronzate e insulti ha detto in tutta la sua oscura carriera da stronzone d.o.c.

Ma quindi anche i preti si eccitano? Allora vedete che siamo tutti dei porci, beh niente di male, se non fossimo porci non ci riprodurremmo come natura purtroppo vuole, perciò quel dio non si può non dire che non sia anche lui un porco o con tendenze alle porcherie, dato che se vedo tutto di tutti, vede anche i rapporti sessuali di ogni tipo :)
Ma non dovevano.. cioè.. mah.. allora ecco che saltano fuori gli altarini e finalmente tutta la gente capirà che sono uomini normali come tutti che però non potendo rapportarsi serenamente con l'altro sesso, avendo una sessualità ferma agli 11-12 anni, non possono che divenire pedofili (o andare a puttane di nascosto).

Odifreddi censurato da Repubblica, torna da Repubblica


Qualche tempo fa, uhm, diciamo poco più di un mese fa, il mitttico Piergiuorgiuo Odifreddi, censurato da Repubblica per un suo articolo in cui paragonava l'attuale governo israeliano a quello dei nazisti negli anni '40 in Germania, ora è tornato a scrivere nel suo blog titolato "Il non senso della vita".

Il 20 novembre 2012 il suo ultimo post.
Il 22 dicembre 2012 (ebbè, mica 2013 o 2011) ritorna!

Peccato che quel suo post incriminato non compaia, quindi come è possibile questo ritorna, come hanno fatto a fare pace se la censura persiste???

Luciana Littizzetto

Luciana Littizzetto da molti anni non lavora più per Mediaset ed è divenuta, in parte, una comica anti berlusconiana d.o.c.

Peccato che sette suoi libri, tutti quanti best-seller, son stati pubblicati dalla.. Mondadori!!!

Ecco i titoli incriminati:

Madama Sbatterly
I dolori del giovane Walter
Rivergination
La principessa sul pisello
La Jolanda furiosa
Col cavolo
Sola come un gambo di sedano

25 dicembre 2012

Monti. A scoppio ritardato

Grande Monti, vuole colpire i GRANDI PATRIMONI e garantire un REDDITO MINIMO ai poveri..

Della seconda cosa ne parlarono già ad inizio mandato, poi non se ne fece nulla perché altrimenti, secondo la Fornero, non cerchermo più un'attività ma andremo tutti quanti al mare a mangiare spaghetti. Ma poverina, lei che è tanto intelligente non lo sa che la gente, per non sentire pesare su di sé il nulla, è disposta a fare qualsiasi tipo di lavoro?
Della prima si potrebbe dire lo stesso, grande balla colossale per farsi bello di fronte al popolino, infatti poco più di un mese fa si disse favorevole ad una LIEVE tassa da far pagare ai ricconi, ma che paura per le fughe all'estero dei capitali!

Figlio altrui, non c'è problema

Quando due persone di sesso opposto si uniscono, i figli che spuntano dalla donna prendono il cognome dell'uomo, proprio come l'uomo prese il cognome del padre.

Questo è il Patriarcato: la monogamia generata dalla volontà dell'uomo di crearsi una proprietà privata sottoforma innanzitutto di prole. Se non ci fosse la monogamia, ecco che l'uomo non avrebbe figli suoi che lavorerebbero per lui e che porterebbero in giro con orgoglio il suo cognome.
Così ecco che ci generano i drammi moderni dettati dall'esame del DNA che spaccano le coppie.
Chi non conosce almeno una coppia che si è separata perché è venuto fuori che il figlio non era di quell'uomo ma di un altro?
Avete capito bene? Il figlio di quell'uomo.. E la donna? La donna incuba e sforna, ma il figlio è sempre di un uomo, per cui quando il fidanzato o il marito scopre che quel figlio, quel povero nuovo esserino che dovrà vivere in questa società patriarcalcapitalistica che non regala nulla e che è piena di povertà e guerre, è invece stato generato da un altro uomo, non ci sta e chiede la separazione e quindi se ne va, perché la vagina della donna è solo e dev'essere solo del fidanzato e del marito.
Ma che colpa ne ha quel nuovo esserino? Nessuna e sarà costretto a vivere senza un padre.
Beh, poco male in realtà, perché anche se dovrà vivere solo con lo stipendio della madre, avrà una figura autoritaria in meno e quindi vivrà in modo più libero, spensierato e forse in parte felice.

Se io, fidanzato con una donna, scoprissi che il figlio che le sta per nascere è stato fatto con l'uomo precedente non farei una piega, perché è normale e naturale che le coppie si riproducano perciò come noi due abbiamo tentato di riprodurci, lo stesso hanno fatto loro due poco tempo prima.
Non dovete voi uomini che vi sentite traditi, aver paura che quel figlio non avrà nulla di voi, perché i geni sono nulla senza l'ambiente e l'ambiente siete voi, per cui per avere un figlio vostro (sic!), basta anche solo adottarne uno finché è piccolo e prenderà le vostre abitudini e fino ai 10-12 anni vi darà retta tranquillamente.

Fatemi sapere il vostro punto di vista, se è banale no, grazie.

24 dicembre 2012

L'irreale Costituzione, il sogno e le balle di Benigni

Stamattina mi son messo a leggere l'articolo del Fatto Quotidiano del 19 dicembre riguardante lo show di Benigni su Rai1, articolo che nei giorni scorsi non avevo letto perché non avevo voglia alcuna di leggere fiumi di banalità.

Ma veniamo al dunque, vediamo, o meglio leggiamo, cosa ha proposto Benigni al pubblico italiano.

Innanzitutto, ha parlato del lavoro:
"Art. 4: La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.
Ma io dico, che bellezza, materiale e spirituale, tu devi farmi star bene, col corpo e con l'anima, è inutile che mi dai tutti i diritti, per prima cosa mi devi dare il lavoro. Amare il proprio lavoro è la vera  e concreta forma di felicità sulla terra. Con la disoccupazione le persone non perdono solo il lavoro, perdono se stesse. Quando non c'è lavoro si produce infelicità e perdiamo tutto. Quando ci danno la busta paga dentro non troviamo solo i soldi, quella paga non è avere, è essere! Quella è la nostra libertà, indipendenza, dignità, la nostra vita. Il lavoro nutre l'anima e senza crolla tutto."

Ma queste STRONZATE ha detto Benigni?
La prima cosa è il lavoro, che tu (tu chi? Stato?) mi devi dare è il lavoro, non tutti i diritti.
Cioè, io prima lavoro, poi magari verranno i diritti?
Ma meglio morire di fame che rischiare di fare lo schiavo, un po' di dignità comicuzzolo!
Io devo, noi dobbiamo, obbligatoriamente, concorrere al progresso materiale o spirituale? E chi è contro l'illusione del progresso cosa deve fare, finire in galera, fare la fame, non lo so! E la Chiesa e le varie religioni che progresso spirituale donano (donano.. danno dopo lauto pagamento semmai), se nascono per bloccare il vero progresso che è quello morale dentro ognuno di noi (ecco perché io mi definisco anarco-individualista)?
"Senza lavoro siamo infelici.. perdiamo tutto.." Veramente è quando si ha un lavoro monotono, privo di stimoli, privo di novità, che ne so, penso al postino, allo spazzino, ma anche all'operaio e all'impiegato, che si perde la felicità, sempre che esista (esiste, ma dura pochi istanti, quando si è in un bel posto e quando si ride con gli amici, quando si accarezza un animale anziché mangiarlo, ecc.), e la si perde quando si è costretti a vedere per poche ore a settimana i propri amici perché tutti impegnati con quel dannato lavoro che li illude di divenire uomini migliori e indipendenti, indipendenti da che, se per campare da consumisti devono andare dentro quelle 4 mure come fosse un lager, come fossero degli ebrei ai tempi del nazismo? O, ancor peggio, pensiamo alla gente che muore sul posto di lavoro o che rimane gravemente ferita (amputata, paralizzata, ecc.), questi che un lavoro ce l'avevano, non hanno comunque perso tutto? Dai Benigni, non dire solo parte della verità, della realtà!
"Il lavoro nutre l'anima" Ma per piacere, basta con queste balle, innanzitutto l'anima non esiste, e poi la gente mica lavora per sentirsi meglio dentro, cioè nel cervello, ma lavora per incassare dei soldi ed è disposta a fare qualsiasi lavoro, puttana, sfruttatore, lavacessi, ecc., bella eh questa società?

Poi parla della pari dignità...
"La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità. Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali"
Che bello essere tutti quanti uguali alla legge, allora com'è che nelle nostre schifose carceri (ecco Benigni, a proposito di dignità garantita fatti un giro coi Radicali nelle carceri, và), la metà è dentro senza ancora essere stata giudicata o per piccoli reati legati alla droga, alla tossicodipendenza o solamente perché extracomunitari, per colpa della barbara legge Bossi-Fini? E dille ste cose, pifferaio magico!

23 dicembre 2012

Quanto mi costano i due marò

Leggete e diffondete

"Il Governo italiano ha dovuto fornire numerose garanzie per permettere il loro rimpatrio temporaneo: il benestare della Corte è vincolato in primo luogo dal pagamento di 60 milioni di rupie di cauzione (pari a circa 830mila euro), che vanno ad aggiungersi alla cauzione già fissata di 40 milioni di rupie (circa 550mila euro)."

Due marò belli che imputati per aver ucciso due innocenti pescatori indiani, son stati riportati in Italia per le vacanze a sfondo consumistico-religioso soltanto grazie a quelle belle cifre di cui sopra. Quando si tratta di difendere lo Stato e i corpi dello Stato, lo Stato italiano, che non siamo noi gente comune (che subiamo solo ogni cosa), si difende, si autoassolve, spende e spande.

Ma se questi due fossero stati due militari indiani accusati di aver uccido due pescatori italiani, sarebbero stati mandati in India per le loro vacanze religiose?

Le due facce della Sinistra

C'è Fulvia Bandoli che allerta tutti parlando di un accordo fra PD e SEL per allearsi, DOPO LE ELEZIONI, con l'UDC (definito da Marco Travaglio l'Unione dei Carcerati e quando si parla di Travajo non si scherza..) e prima di lei c'è Marina Sereni del PD che auspica questo accordo.

La mia domanda è, anzi, le mie domande sono:

1) lo farete sapere in tempo ai vostri elettori di centro-sinistra e sinistra?
2) perché definite moderati i cattolici se sono totalmente contrari all'estensione di determinati diritti alle persone diverse da loro?
PS: ma la Binetti, ex PD, quindi, tornerà col centro-sinistra? Sai che ridere!

Voglia di espatriare!

Vado in soggiorno (o tinello, come preferite), sgranocchio due patatine, ok-ok erano 10 se non 20, accendo la Tv et voilà, presentazione del Tg1 delle 20: il sempre compìto Giorgino che appunto presenta alcune notizie della serata con dietro di lui, sui megaschermi, le facce del sonnolento Monti, dell'irascibile Silvio dalla mascella volitiva, di PierBelliCapelli Bersani e di un vescovo a caso.

Improvvisamente m'è presa una nausea incredibile che come conseguenza ha generato in me una grande voglia di espatriare. Capita spesso anche a voi quando sentite parlare delle vecchie cariatidi o anche solo quando ne vedete i volti contriti?

PS: per chi non lo sapesse Giorgino è un cattolico che con grande aplomb voleva convertire Odifreddi, non ci credete? :

La più bella del mondo

Roberto Benigni si dice di sinistra ma non fa altro che esaltare la nazione e chi ne fa parte, sembra che abbia delle fette di prosciutto sugli occhi e chissà cosa nel cervello.


Prima esaltava Dante, definito da Venditti un servo di partito (d'altronde solo un cattolicone poteva fare un'opera su quelle invenzioni patriarcali che prendono il nome di paradiso, purgatorio, che nome, e inferno!), ora fa l'esaltatore della Costituzione e in ambo i casi proprio come professione.

Non vi sembra strano che lui, italiano, parli bene dell'Italia? A me sembra una cosa alquanto faziosa e mi sembra al soldo dei governi che vogliono farci sentire orgogliosi di essere italiani.
Io non lo sono perché, primo, sono contro gli Stati che dividono l'umanità e che si fondano sul terrore, secondo, perché se l'umanità è una, non penso proprio che il tipo che vive appena al di là della frontiera sia peggio di me!

E su consiglio di Inneres Auges condivido questo post che condivido contro Benigni ma soprattutto contro la Costituzione.

Monti fa il superpartes poi con l'UE regala soldi alla Chiesa

Mario Monti sta facendo or-ora in diretta nazionale tv (per renderci edotti o per farci il lavaggio del cervello?) un bel discorsetto per rimbambire ancora un po' di più i borghesucci che lo ascoltano seriosi, essendo lui serio, per poi ritenersi anche loro seri. Pavlov? Forse.

Mentre voi ascoltate le sue mottate, io dall'alto della mia scienZZa, vi linko questa notizia di cui lui sicuramente tacerà.

ICI 2006-2011 alla Chiesa? No. E l'Ue che fa? Anzichè multarci dice, massì-massì, alla fine non sono aiuti di Stato.

COOOOOOOOOOOOOOOOOOOOSA?


Guccini dice che non c'è più lavoro

Ho sentito recitare Fazio assieme a Guccini, con quest'ultimo affermare quanto segue:


"Quelli che vanno a dormire al mattino quando gli altri vanno a lavorare; quelli che non si alzano più al mattino perché di lavoro non ce n'è più?"

Di lavoro non ce n'è più?
Di lavoro non ce n'è piùùù???
DI LAVORO NON CE N'E' PIU'???
DI LAVORO NON CE N'E' PIU'???

Sarà la vecchiaia che porta a vedere tutto in negativo e destinato a perire in fretta, ma basta scorgersi dalla finestra in qualunque ora di un qualsiasi giorno cosidetto feriale, per notare file interminabili di auto, bus, furgoni e camion. Pensate che qualche sera fa ero andato a fare delle commissioni in giro per la mia città e ad un certo punto c'era così tanto traffico per strada, che avevo paura di non riuscire a farmi sentire dal signore che avrebbe di lì a poco risposto al citofono.
Ma siete andati nei centri commerciali in questi giorni? Io sì, ma non perché sia un tipo banale che credo che il 25 ci si debba scambiare degli oggetti solo perché millenni fa un bimbo per nulla divino di cui si dubita l'esistenza, ricevette in dono 3 cose. Ci sono andato per accompagnare un mio amico, lo giurrrro! Beh, era strapieno di gente e di "coppiette zombie".

Natale, che giorno stupido, è proprio il giorno dei pecoroni (un po' come tutti i giorni festivi): ci viene detto che sia nato un essere particolare, allora tutti dobbiamo rallegrarcene, magari nessuno in realtà ci crede, ma visto che esiste questa convenzione, è difficile non accettarla e farla proprio perché si ha paura di venire esclusi. E i regali.. i regali servono solo a testimoniare il nostro più o meno successo (puhauhah) ottenuto durante l'anno giunto al termine. E' una buffonata, questa dello scambio dei regali, per farci sentire continuamente inseriti nella società dei consumi di massa con la scusa della bontà!