21 febbraio 2018

Il forzista piagnone

A Matrix c'è il pennivendolo Matrix che accusa gli antifascisti di essere come i fascisti perché hanno picchiato in gruppo un singolo fascista.

Certo, è un'azione da condannare.

Peccato che in questo caso la vittima sia un losco individuo arrestato ben due volte per lesioni, razzismo e rapina.

Chissà cosa avrà combinato questa volta?

Di sicuro chi semina odio e violenza, raccoglie la stessa moneta. Si pensi a tutti quei ragazzi romani che ultimamente passano il tempo in pieno centro a picchiare dei loro avversari. Sono notizie che passano, ma non più di tanto.

Ultime mosse delle Destre in Europa

Vediamo alcune news apprese su Internazionale di qualche settimana fa:

in Bulgaria il governo di destra vuole costruire delle case all'interno del parco nazionale più famoso del Paese;

in Polonia il governo di destra vuole vietare l'aborto anche in casi di malattie e malformazioni;

in Ungheria il governo di destra ha aumentato la tassazione alle ONG che aiutano i migranti;

in Grecia le destre scendono in piazza in una stupida manifestazione con l'intento di negare alla Macedonia di chiamarsi così.

Servizio anti-fakenews di Minniti: STATO TOTALITARIO?

Dopo il servizio di fact-cheking di Facebook, da me criticato il 21 gennaio 2018, ora è il turno di quel genio di Minniti.

Il nostro amico capoccione, infatti, vuole creare, ingaggiando la Polizia Postale, una sorta di tribunale inquisitorio online per punire i diffusori delle fake-news.

E qua sorgono vari problemi. Vediamo un elenco delle prime cose che mi vengono in mente:

1 - Cos'è una fake news?

Ok, una notizia falsa.
Ma falsa secondo quali parametri? Che va oltre la verità, ma qual è la verità?
Ovvio che se qualcuno mostra ad esempio la foto dell'onorevole Boldrini in una chiesa, affermando che stesse presenziando ai funerali di Riina, questo è un divulgatore di pericolose bufale.
Pericolose perché aizza il popolino ignorante che si informa sui social, ma anche perché può spostare migliaia di voti. Però fino a che punto si può punire una bufala che ogni persona mediamente raziocinante e istruita sa riconoscere come tale? Alla fine molte di queste fake-news riportano a siti chiaramente dediti alla bufala, ad esempio mi pare ce ne sia uno chiamato La Gazzetta della Sera. E gli utonti ci cascano.
VOI PUNIRESTE L'AUTORE DEL BLOG O GLI UTONTI? Io gli utonti! Non è possibile che lo Stato italiano spenda miliardi in istruzione pubblica (e purtroppo anche privata aiutando i pretacci!) per poi ottenere questi risultati!

2 - In cosa consistono le punizioni?

I proprietari di siti di fake-news verranno puniti. Sì, ma quali autori, blogger? Secondo quali regole, quali leggi? E soprattutto da chi? Pare che ci sarà questa forza speciale della Polizia Postale atta a chiudere questi siti. Ma stiamo scherzando? Se il mio sito dice balle in maniera chiara, non è un mio problema se migliaia di utonti ci cascano e le reputano vere. Magari chi non vorrà essere bannato dallo Stato totalitario (e quando mai uno Stato non è totalitario?) dovrà inserire una dicitura o un bollino recante la scritta: "Questo sito diffonde bufale per scherzare".
Se non si passerà dal Tribunale, queste azioni saranno moooolto pericolose per la nostra libertà di espressione!

3 - Perché non ingaggiare dei giornalisti?

Perché ingaggiare dei poliziotti per scovare le fake news, quando non è certo il loro compito quello di leggere le notizie e confrontare le fonti e reputare dunque quale notizia è più o meno vera?
Sarebbe molto meglio creare un reparto con giornalisti di varie estrazioni per educare il popolino bue.

4 - Perché i TG e i giornali invece possono diffondere balle clamorose?

Un esempio su tutti: perché molti giornalisti, anziché parlare di prescrizione, usano il termine assoluzione? Certo, l'imputato non è stato condannato, ma ciò a causa della durata del processo, non per altri motivi!
Ovviamente non vorrei che i tg e i giornali venissero chiusi, ma non sarebbe male creare un ente o un'agenzia anche ONG, ma molto grande, che appunto informi, istruisca ed educhi il popolino.

15 febbraio 2018

La razza bianca?

Di cavolate innocue e di cazzate pericolose ne vengono dette a iosa ogni santo giorno.

Di stare dietro a tutte quante non ne ho voglia e neanche il tempo. Non sono certo un portinaio che smista stronzate.

Per cui perdonate se non sono più tanto presente come anni fa. Nonostante ciò volevo dire brevemente la mia sulla frase pronunziata da tale Fontana che vorrebbe divenire un pezzo grosso del centro-destra (o destra?) lombardo.

Questo esimio dottore (pensate, è laureato!) ha detto che bisogna DIFENDERE LA RAZZA BIANCA DALL'INVASIONE DEI NERI.

Sembra una frase uscita dalla bocca (o dal culo?) del classico cattivone dei film dove poi interviene il super-eroe di turno a ristabilire la pace. E invece no, è uscita dall'orifizio di un politico laureato del centro-destra, ovvero da quella parte dove secondo Berlusconi sono tutti professionisti, laureati e preparati, mica dei bambini viziati e ignoranti e lavativi come i pentastellati!

Vediamo perché è una cavolata.

1. Non c'è alcuna invasione. In Italia ci sono poche centinaia di migliaia di africani.
2. Molti di questi vogliono andare in altri Paesi europei, per cui al massimo prendetevela con loro e l'Europa.
3. La razza bianca non esiste: la razza umana è una (lo dice la Scienza, mica io!) e anche se esistesse, io ho origini e caratteristi (e anche un carattere) totalmente diverso dalla maggior parte degli abitanti di, esempio, Toscana e Sicilia. C'è poco da fare, l'Italia è purtroppo o per fortuna solo un'espressione geografica, per il semplice fatto che al suo interno ci sono persone totalmente differenti frutto di invasioni e miscugli infiniti! Ad esempio in Sicilia troviamo influssi arabi e fenici, in Veneto no di certo.
4. La difesa della 'razza bianca' fu un abominio del regime fascista volto a giustificare le leggi razziali contro gli ebrei.
5. La Costituzione parla di razza, ma ciò non vuol dire che secondo lo Stato italiano esistono razze diverse. Viene menzionata la razza con l'intento opposto rispetto a quello di Fontana (e non solo nella Costituzione Italiana ma in diversi trattati internazionali), ovvero quello di evitare e punire discriminazioni da parte di chi professa l'esistenza delle razze e ne fa una 'classifica'.
6. Eliminando questo termine dalla Costituzione, si rischierebbe di non poter più punire i razzisti. In Italia, e non solo qui, esistono infatti leggi che puniscono chi aggredisce verbalmente o fisicamente il prossimo per mere ragioni razziali, etniche, nazionali e religiose.

8 febbraio 2018

Gli assassini delle giovani ragazze innocenti

Gli psicologi criminali sono forse gli unici che possono dirci cosa passi per la mente degli omicidi che uccidono innocenti ragazze, anche giovanissime, come nel caso di Pamela di Macerata e di Jessica di Milano, entrambe all'incirca ventenni.

Quando avevo 20 anni immaginavo una lunghissima vita dinnanzi a me, e morire a quell'età è assolutamente inconcepibile in ogni caso, sia che tu sia malato, sia che tu frequenti persone pericolose.

Se questi assassini, di cui non ci interessa la provenienza, perché gli uomini sono violenti in ogni parte del mondo (tranne forse in qualche sperduta comunità non ancora patriarcale), non si fermano neanche al pensiero di trascorrere il resto della loro ridicola e triste vita in galera, allora devono avere dei seri problemi mentali.

Attenzione, non bisogna certo usare questi disturbi come scusa per farli uscire dal carcere, anzi!

Cerchiamo di capire cosa può generare questi 'disturbi' (non spetta a me trovare il termine giusto):

probabilmente da piccoli vennero viziati enormemente dalle loro mammine che soddisfavano sempre le loro richieste e crescendo non hanno mai accettato i rifiuti, trovandone tra l'altro moltissimi;

venivano sempre puniti dalle loro mammine (ambo le cose possono scatenare reazioni molto brutte verso il prossimo, un prossimo che magari per alcuni motivi può ricordare loro la madre);

sono ossessionati dal sesso, vedono sesso dappertutto perché non l'hanno mai fatto o fatto pochissimo e hanno ricevuto tanti rifiuti o l'hanno fatto spesso, ma controvoglia, con donne brutte ---> ogni ragazza che hanno la fortuna di conoscere, deve perciò assolutamente starci, specie se li guarda negli occhi, ecc. Se non ci stanno, significa che sono delle 'truffatrici' e sono da punire;

varie ed eventuali.

Ma soprattutto, mi chiedo, questi assassini, non hanno mai avuto comportamenti fortemente anormali, antisociali, ecc.? Se sì, non si poteva prevenire mandandoli in cura, usando psicofarmaci, ecc.?

4 febbraio 2018

Fantastica senatrice del PD che legifera a favore delle sale scommesse

Secondo quanto riporta La Stampa (venerdì 2 Febbraio 2018, apgina 14, sezione Cronache) e Blog Sicilia, la senatrice del PD, Maria Spilabotte, assieme a Bruno Mancuso (NCD), avrebbe 'adottato iniziative parlamentari per consentire la riapertura di 700 sale scommesse.

I centri in questione sono stati considerati IRREGOLARI e il proprietario (di tutte e 700 le sale!) è stato arrestato per concorso esterno in associazione mafiosa e riciclaggio, il suo nome è Benedetto Bacchi.

Ha cercato di convincere alcuni esponenti politici ad approvare un emendamento a lui favorevole, in cambio di una consistente quantità di voti.

Il nome dell'agenzia mi è però sconosciuto.

Il nonsenso dei razzisti

Quindi, fatemi capire, se ci sono degli africani da salvare perché poveri, perseguitati, torturati, ecc., solo perché uno di questi compie un crimine, tutti quanti loro diventano criminali a loro volta? Un po' come la storia dei figli su cui ricadono le colpe dei padri?

Ma quanto siamo dementi!

Allora dal Settentrione rimandiamo in Meridione tutti i terùn perché al Nord ci sono gli ndranghetisti e tutto quanto il resto. Ma no, anche per fatti più semplici, come ad esempio un incidente stradale: alla guida c'era un terùn? Rimandiamoli tutti a casa loro!

Ma dai, ma che ragionamento è?

Bisogna colpire chi delinque, non chi è simile a lui per l'aspetto esteriore e la provenienza.
Se un mio concittadino, anzi, un mio parente commette un'efferatezza, devo andare in galera anche io?

Come se tra i padani non ci sono fossero delinquenti e criminali assassini. Penso ai due di Erba o a quello di Garlasco o alla mamma di Cogne. Tutti del NORD ITALIA!

21 gennaio 2018

Ricordate Vassallo?

Ricordate Angelo Vassallo, il sindaco campano ucciso nel 2010 da un killer ancora sconosciuto?

Sentite cosa dice il fratello Dario: 

"Quando è stato ucciso, mio fratello aveva la tessera del PD in tasca, ma tranne qualche voce isolata, non si è fatto sentire nessuno del partito!"

La finta rivoluzione di Feisbiuk sul fact-checking

Lo zuccone internazionale ha avuto una stupidissima 'idea': interpellare gente a caso iscritta al social network più stupido del mondo (su MySpace si parlava di arte, su LinkedIn di lavoro, su Badoo si cerca la fxxa, ma su FB che caxxo si fa???) per capire se una notizia e un sito/giornale è attendibile o meno.

Certo, nell'epoca social dei likes a profusione in base non alla bellezza (o ad altri parametri sensati) ma fondati sul numero di amici (e finti amici, perché su Internet con quanti amici reali parlate?), è notorio come sia possibile ottenere risultati semi-perfetti.

Ma dai, specialmente ora quando ormai le fake-news hanno preso il sopravvento sulle notizie dei giornali più blasonati. Lo zuccone pensa che chi parteciperà al sondaggio, sappia riconoscere le fake-news, sia contrario alle fake-news (aka bufale), ecc.?

Saranno gli stessi utonti stupidoni a votare, premiando ad esempio Libero anziché Repubblica, perché il primo sito/giornale si rivolge agli istinti più bassi e alla parte peggiore di ognuno di voi, facendo leva sulla paura, avidità, ecc.

Vi pare sensato che un piccolo gruppo di utonti debba decidere per la massa quale fonte FB dovrà premiare a scapito di altre? Perché questi utonti verrano investiti del ruolo di giudici? Perché non ci può essere un gruppo più piccolo ma di esperti? Pensate che un gruppo più ampio di utonti sia migliore? Il migliore è colui che trova dati reali e li confronta con quelli 'sparati' sui siti e giornali. O colui che risale alle fonti, ecc.

Faccio un esempio pratico: se mia madre dovesse votare una legge a favore della libertà religiosa, la quale consentirebbe a tutti di indossare il velo anche in luoghi pubblici come scuole e tribunali, sicuramente voterebbe con un bel NO grosso come una casa perché è convinta che tutti debbano rispettare usi, costumi e tradizioni del Paese nel quale si sono recati. Io però la penso in maniera opposta. Ma la massa, presa da problemi e paure di diverso tipo, preferisce chiudersi anziché aprirsi al prossimo e alzare i muri contro l'avanzata dei 'diversi', perlomeno finché non ci scambia due parole. Un po' come quando andiamo a teatro, se non ci vestiamo in un certo modo la gente ci guarderà storto. Ma andate a fanculo conformisti di merda!

Lettera di un pirlone su Repubblica

Ecco parte di una classica lettera di un pirlone bacchettone comparsa oggi sul quotidiano Repubblica:

"Solo ora, con l'intensificarsi delle azioni criminali delle baby gang, ci accorgiamo della crisi educativa che c'è nella nostra società"

Balle, lo sappiamo da sempre che ci sono 'sacche di criminalità' da cui non possono che venire al mondo dei nuovi delinquenti!

"Un tempo la famiglia era la prima cellula educativa, poi la scuola e la parrocchia. Ma oggi la famiglia viene ridicolizzata, meglio parlare di famiglie allargate o genitori con lo stesso sesso".

E quindi? La famiglia allargata non è sempre famiglia? Nei bei tempi andati (uh) non si viveva con genitori, nonni, zii, ecc., ecc., nelle cascine? E allora perché ti lamenti? E cosa centrano sia queste famiglie che i coniugi dello stesso sesso con la messa in ridicolo della famiglia, la crisi e le baby gang? Niente, ma a sto tizio, tale Giorgio Groppo, l'omosessualità sta sicuramente sul.. groppone!

Adesso arriva il bello:

"Gli oratori parrocchiali sono vuoti (VUOTI! Ma dai! ndb) perché i genitori non li educano più ai valori, alla fede e alla tradizione e così si crea un mondo di solitudine".

AH AH AH AH AH AH

Non riesco a smettere di ridere. Sembra uno di quei temi generalisti scritti dai bambini delle elementari o massimo-massimo della prima media inferiore, dove questi si travestono da bravi angioletti e discettano di questo e quell'altro alla ricerca delle cause della violenza, ecc.

Io sono ateo e non faccio parte di alcuna baby-gang e non capisco come possa la fede e la tradizione migliorare me, che già sono perfetto (LOL) o dei criminali che puoi rieducare in tre modi:
1) prendendoli a bastonate dalla mattina alla sera (oppure di notte mentre dormono)
2) facendoli lavorare in mezzo alla strada (sì, anche come prostituti, ahah, sai che spasso!) sotto il sole cocente o il freddo più glaciale
3) facendoli partecipare a corsi sulle relazioni interpersonali, sulla mediazione, sulla psicologia, ecc.

Fede significa semplicemente avere fede in.. credere in.. Uno che crede per partito preso non è per forza buono, sicuramente è stupido e rischia di venire assoldato da qualche mercante di morte.

Tradizione è un altro termine stupido: solo perché la massa o un gruppo ristretto di persone ha sempre fatto così, allora è cosa buona e giusta e tutti quanti gli altri dovrebbero adeguarsi, pena l'ingresso in una baby-gang?

A Groppo, fuma e bevi di meno và!

5 gennaio 2018

L'ITALIA ESPORTA BOMBE ASSASSINE IN ARABIA SAUDITA!!!

Stavo leggendo un giornale dove si parlava delle proteste in Iran. Al termine venivano menzionate le guerre in quella parte di mondo, per la precisione in Yemen, dove ci sono stati dalla primavera del 2015 ben 6.000 morti, di cui 3.000 civili (!!!), a causa dei bombardamenti dell'Arabia Saudita nonostante non vi sia mai stata alcuna autorizzazione internazionale.

Allora ho fatto una ricerca online su Google News digitando 'Yemen', ed è venuto fuori che i sauditi acquistano tonnellate di bombe da.. indovinate dove? Ma dall'Italia, dove se no? Precisamente da un'azienda sarda che li imbarda in piena notte, preferendo anche i giorni festivi, così si è sicuri di non dare troppo nell'occhio.

Per non fermare il PIL sporco di sangue di migliaia di persone innocenti, la Camera dei Deputati non ha fatto nulla per bloccare questo carico di morte assassina, perché, dice la Farnesina, vengono rispettate tutte le normative internazionali.
Mah, sarà, ma a non venire rispettata è la Costituzione Italiana che parla di pace e non certo di guerra.

LINK:

http://www.huffingtonpost.it/2017/12/30/la-rabbia-delle-ong-il-parlamento-sapeva-delle-bombe-e-ha-ratificato-la-vergogna-in-yemen_a_23320145/

http://www.sardiniapost.it/politica/yemen-pili-unidos-dallisola-primo-carico-bombe-del-2018/

2 gennaio 2018

Lastra di ghiaccio assassina sull'auostrada di Aosta

Una tragedia che non avrebbe dovuto accadere!

Nell'autostrada A5, nei pressi di Aosta, una ragazza è morta per colpa di una lastra di ghiaccio che ha fatto scivolare un pulmino.

Com'è possibile che in una cara autostrada sia presente del ghiaccio? Ma siamo pazzi???

Quanta pena mi fa Asia Argento

Asia Argento, che afferma di non lavorare da 1 anno, guarda caso qualche mese fa fece una dichiarazione shock sugli abusi subiti da un produttore statunitense.

Ora pare chiaro come mai abbia denunciato il fatto soltanto dopo 20 anni circa. Non lavorava e aveva bisogno di attirare su di sé l'attenzione.

Purtroppo questa attrice continua il suo "show" affermando che l'ex marito Morgan non avrebbe versato gli assegni mensili di mantenimento per la loro figlia.

Lei, poverina, non lavora appunto da diversi mesi, ma avendo lavorato nel cinema, possibile che non abbia almeno €500 per far campare dignitosamente la figlia?
E poi lei non è a sua volta figlia del famoso Dario Argento? Anche lui a corto di money?

Ma andate tutti a fanculo!!!

30 dicembre 2017

LA7 censura Pozzetto

Incredibile, anzi, scandaloso: LA7 di Urbano Cairo censura Renato Pozzetto.

Ovviamente non si tratta di una censura a sfondo politico contro un dissidente.

Si tratta semplicemente dell'eliminazione di una sua famosa esclamazione: "EH LA MADOOONNA!".

Ieri sera, infatti, questo canale tv ha trasmesso il film del 1985 È arrivato mio fratello.

Nella scena della fioraia, Pozzetto dice proprio quella frase alla vita delle tettone della signora, seguita da quest'altra frase: "Anna, sono io che non ti desidero più".

Ieri sera, invece, ho sentito dirgli solo la seconda frase! Come mai?